Home Economia Economia Ancona

Unicredit e Confesercenti: 10 milioni per le imprese terremotate

0
CONDIVIDI
Sisma nel Centro Italia e nelle Marche

ANCONA 30 APR.  Un plafond di 10 milioni di euro per garantire nuove opportunità alle micro e piccole e imprese del Centro Italia e farle ripartire dopo il terremoto di agosto e ottobre 2016.
È questo il contenuto dell’accordo definito oggi tra UniCredit, Confesercenti ed il suo confidi di secondo livello CommerFin. L’accordo prevede finanziamenti a 12 mesi, di importo sino a 50 mila euro ed un contributo a totale copertura degli interessi da parte di Commerfin. La misura sarà attiva sino al 31 dicembre salvo anticipata chiusura per esaurimento delle risorse stanziate da Confesercenti.

Grazie a questa iniziativa le imprese iscritte alla confederazione delle piccole e medie imprese potranno accedere al prodotto a tasso zero. Secondo l’accordo, infatti, sarà CommerFin a pagare gli interessi, applicati da UniCredit sui finanziamenti che verranno erogati nell’ambito di questo plafond. I beneficiari sono le micro e piccole imprese delle Marche iscritte a Confesercenti colpite dai recenti eventi calamitosi, non necessariamente con sede nel cratere sismico.
La rete commerciale di Confesercenti predisporrà il corredo informativo per le imprese interessate, che sarà poi presentato ad UniCredit per la valutazione del merito creditizio; già sono in atto le prime richieste di imprese nei crateri di Offida, Acquasanta Terme ed Ascoli Piceno.

Presenti all’incontro: Massimo Vivoli, Presidente Nazionale Confesercenti, Gianni Guido Triolo, Direttore Nazionale Del Credito; Luisa Mancinelli Unicredit Nazionale, e Dirigenti del Territorio per le Marche Dott.ssa Elena Capriotti Direttore, Sandro Assenti Presidente Provinciale Ascoli e Fermo, Angela Piotti Velenosi, Vice Presidente.
Ha concluso l’incontro il sindaco di Ascoli, Guido Castelli.

 

“In questa regione molto colpita dalla natura – ha spiegato il presidente nazionale di Confesercenti, Massimo Vivoli – la nostra confederazione ha voluto dare un segnale di forte vicinanza, con un intervento economico che agevola direttamente l’impresa colpita dal maltempo o dal terremoto. Lo strumento si rivolge alle aree più disagiate, ma non esclusivamente al cratere come definito dalle istituzioni. In questo modo contiamo di dare risposte anche ad aziende che oggi sono prive di altre misure agevolative”.

“Attraverso CommerFin, il sistema Confesercenti ha già sperimentato questo prodotto in altre occasioni – ha aggiunto Gianni Triolo, responsabile nazionale del settore credito di Confesercenti, ad Ascoli anche in rappresentanza di CommerFin,– e per rispondere fattivamente alle esigenze delle imprese, la società si farà carico del pagamento del cento per cento della quota interessi, dopo una fase istruttoria senza costi aggiuntivi”.
“Questa Regione – ha sottilineato Gianni Triolo – ha registrato nel 2016 cinque anni di decremento nella erogazione del credito, in particolare per le imprese fino a cinque addetti che rappresentano il 90% delle imprese marchigiane del comparto del commercio. Una buona parte del credito non arriva alle micro e piccole imprese e quando arriva è a caro costo”.

“La convenzione definita con Confesercenti e Commerfin – ha dichiarato Luisa Mancinelli , di Capital Optimization di UniCredit – ci consentirà di supportare le imprese di questo territorio che stanno attraversando momenti di difficoltà, perché possano ripartire e rilanciare la loro attività. Questa iniziativa su aggiunge alle altre già messe in atto da UniCredit: finanziamenti alle imprese delle zone colpite dal sisma che beneficiano dell’intervento del Fondo di Garanzia per le PMI; sospensione del pagamento delle rate dei mutui sia ai privati che alle imprese a tassi di interesse agevolati. UniCredit ha inoltre aderito alla convenzione tra ABI e CDP , avente ad oggetto la concessione di finanziamenti agevolati, garantiti dallo Stato, a favore dei soggetti danneggiati dagli eventi sismici e dagli eventi calamitosi”.

La Dirigenza locale di Confesercenti, presidente Sandro Assenti, Vice Presidente Angela Piotti Velenosi e Direttore Elena Capriotti, nel corso dell’incontro ha invitato la Regione alla correzione di una distorsione del credito nella Regione Marche che prevede la possibilità di accedere al credito garantito dal Medio Credito Centrale solo per importi superiori a 150 mila euro e questo costituisce una evidente difficoltà per le oltre 50.000 imprese marchigiane del commercio e del turismo che nella stragrande maggioranza non possono arrivare ad importi affidamento di questa dimensione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here