Home Spettacolo

“La Cenerentola” a Filottrano con i solisti dell’Accademia d’Arte Lirica di Osimo

0
CONDIVIDI
Filottrano

La Cenerentola di Gioachino Rossini arriva domenica 10 Aprile alle ore 18:00 sul palcoscenico del Cinema Teatro Torquis di Filottrano: i solisti dell’Accademia d’Arte Lirica di Osimo, con la pianista Mirca Rosciani, offrono una selezione di scene dall’opera buffa che – dopo Il barbiere di Siviglia – è tra i titoli più amati del compositore pesarese.
Il soggetto dell’Opera è tratto dalla celebre fiaba di Charles Perrault, ma il romano Jacopo Ferretti si era ispirato ad altri due libretti d’opera: uno francese, Cendrillon di Charles Guillaume Etienne per la musica di Nicolò Isouard (1810), e uno italiano, Agatina, o la virtù premiata di Francesco Fiorini musicato da Stefano Pavesi (1814). Chi si aspetta la favola disneyana troverà una storia un po’ diversa: non c’è la matrigna ma un patrigno; manca la fata ma c’è un filosofo di corte, Alidoro, che guida il principe verso la donna ideale.
La storia inizia con le due sorellastre, Clorinda e Tisbe, occupate a farsi belle per andare al ricevimento voluto dal principe Ramiro per scegliere la futura sposa, mentre Angelina (Cenerentola), la figliastra di Don Magnifico è costretta a guardare le due sorelle e a servirle in modo remissivo. Il principe però decide di spiare le ragazze vestendosi con i panni del suo servitore Dandini che, a sua volta indosserà i panni del Principe. Questo scambio di personalità dà luogo a una serie di equivoci che porteranno, nel corso del racconto, a far sì che il principe si innamori di Cenerentola e le sorellastre adulate da colui che credono essere il nobile ragazzo ma che è solo il cameriere Dandini. Alla fine Cenerentola, dopo una serie di vicissitudini, si sposa con il principe e, una volta salita sul trono, concede il perdono alle due sorellastre e al patrigno che la abbracciano commossi, affermando che nessun trono è degno di lei.
L’occasione è preziosa per ascoltare le voci dei giovani solisti dell’Accademia che, provenienti da nove nazioni, si perfezionano nel canto a Osimo, affrontando il repertorio del belcanto ottocentesco. Protagonista sarà Nutsa Zakaidze; Quan Zhou sarà Ramiro, Sultan Bakytzhan il cameriere Dandini, Matteo Torcaso il patrigno Don Magnifico, Piersilvio De Santis Alidoro, mentre Yuki Mizuno e Ketevan Abuladze saranno le sorellastre.

“Sono particolarmente soddisfatta del ritorno a Filottrano dell’Accademia d’Arte Lirica con cui si è instaurato negli anni un proficuo rapporto di collaborazione – dichiara il sindaco Lauretta Giulioni – lo spettacolo proposto è quanto mai accattivante per la storia e la bravura dei cantanti. Sono quindi certa che ci sarà un’ottima risposta da parte dei miei concittadini come accade in estate con il festival di musica barocca Sulle orme del Cusanino”.

INFO: Prevendita al numero 071 714525 da mercoledì 6 aprile a sabato 9 aprile ore 10:00/12:00. Biglietteria presso il Cinema Teatro Torquis domenica 10 aprile ore 16:00 fino a inizio spettacolo.
Posto unico 5 euro.
Obbligatorio uso della mascherina.

Loading...