Home Cronaca Cronaca Italia

Nuove restrizioni dal 1 febbraio: greenpass, sanzioni e le nuove tabelle

0
CONDIVIDI
Nuove restrizioni dal 1 febbraio: greenpass, sanzioni e le nuove tabelle

La riduzione della validità del green pass. Le nuove tabelle aggiornate al 29 gennaio 2022 con quello che è possibile fare

Con il decreto dello scorso 7 gennaio e con ulteriore modifica del dpcm del 20 gennaio, da domani 1 febbraio partono le nuove restrizioni, le ennesime per quanto riguarda l’insieme delle normative italiane anti covid.

La prima restrizione riguarda tutte le persone vaccinate, con la durata del pass verde che viene ridotta da 9 mesi (in precedenza 12 mesi) a 6 mesi.

Poi scatta l’obbligo vaccinale per gli over 50, con relative sanzioni per chi non rispetta la regola.

Inoltre è richiesto un certificato verde di base (ottenuto tramite tampone o prima vaccinazione) per l’accesso agli uffici postali, le banche e tutti i negozi che vendono articoli non essenziali.

Le sanzioni

Dal 1 febbraio ad opera del Ministero della Salute tramite l’Agenzia delle Entrate saranno attivate le sanzioni per le persone over 50 che non sono state vaccinate o che non hanno aggiornato in tempo il proprio ciclo vaccinale, con la sanzione di 100 euro, senza alcun provvedimento penale.

I notificati avranno dieci giorni di tempo per dimostrare la vaccinazione alle ASL competenti prima che le sanzioni vengano attivate.

L’avviso di addebito da parte dell’Agenzia delle Entrate verrà notificato entro 180 giorni. Il destinatario ha 30 giorni di tempo per appellarsi al Giudice di pace.

Pass verde base per Uffici Postali, Banche, Tabaccherie, Librerie, Edicole (al coperto) e negozi di abbigliamento e cosmetici

Da domani, 1 febbraio, sarà necessaria la carta verde base (disponibile come tampone, cura o vaccino) per andare alle Poste, per ricevere la pensione, per andare in banca, per entrare negli uffici pubblici e anche per acquistare giornali, sigarette, francobolli, giocare al Superenalotto e acquistare vari biglietti della lotteria nelle tabaccherie, per accedere alle librerie e nei negozi di abbigliamento e cosmetici.

L’accesso di parrucchieri ed estetiste è già regolato da un pass verde di base. Lo stesso vale per il trasporto pubblico.

Libero accesso ai beni di prima necessità come supermercati, negozi di alimentari, farmacie, strutture sanitarie, luoghi di giustizia (quali tribunali, giudici di pace e forze dell’ordine).

Ecco la tabella con le attività consentite (ultimo aggiornamento 29 gennaio)

Scarica QUI  –  consulta QUI

Dal 15 febbraio

Dal 15 febbraio entrerà in vigore l’obbligo di vaccinazione per gli over 50 sul posto di lavoro: da quel giorno chiunque venga sorpreso a lavorare senza Super Green Pass potrà essere multato con un’ammenda da 600 a 1.500 euro.

I lavoratori che non presentano il green pass rafforzato saranno considerati come assenti ingiustificati e la loro retribuzione verrà sospesa ma il loro posto di lavoro resterà integro.

Sono circa 1,8 milioni gli italiani, over 50 che non sono stati vaccinati.

Il 31 marzo, almeno in ogni nuovo dpcm, finirà lo stato di emergenza.

Il 15 giugno è, invece, la scadenza per porre fine agli obblighi di vaccinazione per tutte le persone non vaccinate over 50.

Loading...