Home Consumatori Consumatori Italia

Un Fondo Indennizzo Risparmiatori per i truffati dalle banche

0
CONDIVIDI
Un Fondo Indennizzo Risparmiatori per i truffati dalle banche

Avrà una dotazione di 1,575 miliardi di euro per i prossimi tre anni

In legge di bilancio è previsto il ‘Fondo Indennizzo Risparmiatori’, con una dotazione di 1,575 miliardi di euro per i prossimi tre anni (2019-2021), “un fondo ad hoc finalizzato al rimborso di risparmiatori, azionisti e obbligazionisti che hanno visto azzerato il valore dei loro titoli nelle note vicende bancarie degli ultimi anni” spiega Paolo Giuliodori, deputato 5stelle in Commissione Finanze.

“La misura dell’indennizzo per gli azionisti è commisurata al 30% del costo di acquisto, entro il limite massimo di 100.000 euro. Ci tengo però a ribadire” – aggiunge – “che la misura del 30% con tetto a 100.000 euro è solo un acconto, che verrà poi integrato man mano che il fondo sarà rimpinguato. Agli obbligazionisti subordinati spetta invece un 95% del costo di acquisto.”

“Inoltre – commenta Giuliodori – una grande novità sta nel fatto che non è più necessario passare per l’organo giudiziario, ma le domande di richiesta verranno raccolte direttamente dal MEF e gli accertamenti sulle domande di accesso al fondo saranno svolti in forma semplificata. È previsto poi un canale preferenziale per coloro che sono in difficoltà economica, con un ISEE sotto i 35.000 euro”. Entro il 31 gennaio uscirà il decreto ministeriale con il quale verranno definite modalità di presentazione delle domande e tempi di erogazione.

“Non ci sarà nessuno scudo per le banche – assicura il deputato 5stelle – i cittadini truffati potranno quindi agire in giudizio per ottenere l’indennizzo della parte non rimborsata dal fondo”.

“La volontà è quella di tutelare la stabilità del sistema creditizio, certo – conclude Giuliodori – ma senza per questo far pagare il prezzo ai cittadini truffati. Finalmente la politica fa il suo dovere! Finalmente una maggioranza che sta dalla parte dei 45.000 truffati di Banca Marche”.



Loading...