Home Consumatori Consumatori Italia

Bonus Tv e i 100 euro di incentivi: come funziona

0
CONDIVIDI
Il Bonus Tv: fino a 100 euro di incentivi per acquistare un nuovo televisore compatibile con il nuovo standard del digitale terrestre

Con la firma del decreto, vengono concessi incentivi fino a 100 euro per l’acquisto di nuovi televisori o decoder compatibili con il Dvb-T2. Non sono previsti limiti Isee per accedere all’agevolazione

Per quanto riguarda il “Bonus Tv” che vedrebbe fino a 100 euro di incentivi per acquistare un nuovo televisore compatibile con il nuovo standard del digitale terrestre, il ministro per lo Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ha firmato il decreto attuativo.

Tale decreto, che verrà pubblicato a breve sulla Gazzetta Ufficiale, dà il via libera al bonus “rottamazione tv”.

Il bonus sarà operativo dopo 15 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e prevederà un bonus di 100 euro, senza limiti di Isee, per chi acquisterà i tv dotati del nuovo standard Dvbt-2/Hevc Main 10.

Questa nuova tecnologia permetterà di migliorare la qualità del segnale e di dare spazio alle trasmissioni in alta definizione.

Secondo uno studio sarebbero ben 9 milioni gli apparecchi non compatibili con il nuovo standard in buona parte vecchi televisori.

Il passaggio definitivo al digitale terrestre alla fine del 2022

La data ultima per il passaggio definitivo al nuovo digitale terrestre basato sul Dvbt-2 avverrà in tutta Italia alla fine del 2022.

In pratica in tale data molte tv cesseranno definitivamente di funzionare e sarà necessario un decoder.

In vista del passaggio agli standard di trasmissione del digitale terrestre di nuova generazione i cittadini possono verificare la compatibilità dei televisori in proprio possesso e gli elenchi delle apparecchiature idonee seguendo le informazioni e le procedure indicate sul sito nuovatvdigitale.mise.gov.it.

Per comprendere se la propria tv è compatibile con la nuova tecnologia Dvbt-2, ci si può sintonizzare sui canali test 100 della Rai oppure 200 di Mediaset.

Nel caso appaia la scritta Test HEVC Main10, la Tv è già adatta e non deve essere. Se non appare alcuna scritta è necessario risintonizzare tutti i programmi.

Le tempistiche del passaggio al nuovo digitale terrestre

Il cambio del digitale terrestre partirà dal 1° settembre di quest’anno in Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Trentino, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna. Dal 1° gennaio 2022 al 31 marzo 2022, sarà la volta di Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Sardegna. Dal 1° aprile 2022 al 20 giugno 2022 toccherà infine a Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche. Non avranno problemi a ricevere i canali tutti coloro che hanno la ricezione del segnale in alta definizione dal numero 500 in poi del telecomando.

Come fare la richiesta del bonus

La richiesta del bonus la deve fare il titolare del contratto elettrico, a cui è associato il canone Rai, o da chi lo paga con modello F24.

L’agevolazione consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto, fino a un massimo di 100 euro, che si può ottenere rottamando un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018.

Tale bonus rottamazione Tv è rivolto a tutti i cittadini senza limiti di ISEE e verrà riconosciuto per l’acquisto di un televisore per ogni nucleo familiare fino al 31 dicembre 2022 fino ad esaurimento dei fondi messi a disposizione che sono complessivamente 250 milioni di euro fino ad arrivare, in pratica, ad un quarto della popolazione.

I requisiti necessari per ottenere il bonus

Fondamentalmente sono tre i requisiti necessari per ottenere l’incentivo: residenza in Italia, rottamazione di un televisore e il pagamento del canone di abbonamento al servizio di radiodiffusione.

Potranno accedere all’agevolazione anche i cittadini, di età pari o superiore a settantacinque anni, che sono esonerati dal pagamento del canone.

Rottamare i vecchi televisori

Sarà anche necessari orottamare i vecchi televisori. La rottamazione potrà essere effettuata nel momento dell’acquisto del nuovo televisore, consegnando al rivenditore quello vecchio, che si occuperà poi dello smaltimento dell’apparecchio e di ottenere un credito fiscale pari allo sconto riconosciuto al cliente al momento dell’acquisto del nuovo apparecchio.

Oppure si può consegnare la vecchia tv direttamente in una isola ecologica autorizzata.

Sarà necessario conservare il modulo di consegna che certificherà l’avvenuta consegna dell’apparecchio, con la relativa documentazione per richiedere lo sconto sul prezzo di acquisto.

Lo stesso modulo, insieme al documento d’identità, deve essere consegnato al commerciante che applicherà lo sconto fino a 100 euro.



Loading...