Home Spettacolo Spettacolo Fermo

Tipicità 2016, Stasera di scena lo Stoccafisso

0
CONDIVIDI
La Scorsa Edizione di Tipicità
La Scorsa Edizione di Tipicità
La Scorsa Edizione di Tipicità

FERMO 6 MAR.  La piramide con il caleidoscopio d’immagini che raccontano le Marche e il giardino della biodiversità sono le istallazioni simboliche che accolgono il visitatore della ventiquattresima edizione di Tipicità, che propone una domenica di appuntamenti tra sapori vicini e lontani, show cooking e dibattiti con volti noti.

Nuoce gravemente alla salute? E’ la domanda alla quale dovrà rispondere l’apposita “Corte” istituita a Tipicità e presenziata dal conduttore di Linea Verde, Patrizio Roversi, nei confronti di carni e vini rossi.

L’Accademia di Tipicità si appresta ad ospitare una parata di stelle ai fornelli, con i fratelli, due stelle Michelin, Sandro e Maurizio Serva, alfieri della più nobile delle interpretazioni in tema di pesci d’acqua dolce, e Gianni Tarabini, coraggioso chef valtellinese che ha scelto la strada del km. 0 e dell’agriturismo per far brillare la sua stella Michelin.

 

In ottica di confronto, il programma dell’Accademia prevede un’interpretazione del fermano nel piatto a cura dello chef Fabiano Quinto della Top Catering, per poi esplorare la cucina russa e quella del Cilento, rispettivamente realtà estera ed italiana ospiti di questa edizione.

Dalle Langhe, lo chef Giampiero Vento proporrà un viaggio nella biodiversità piemontese, mentre il Team Cuochi Marche concluderà i cooking show domenicali con un focus sulla gustosa biodiversità marchigiana. Interessante, in questo spazio, il connubio cibo, benessere e sport, con la presenza di Andrea Cingolani e Paolo Principi della Nazionale Italiana di Ginnastica Artistica.

Un intervento speciale sarà riservato ad Enrico Derflingher, l’attuale presidente internazionale di Euro Toques, con una vera e propria “Lectio Magistralis” sulla “diversità che crea valore”, tema portante di questa edizione di Tipicità.

Ricchissima la proposta del Teatro dei Sapori, con presentazioni e degustazioni dedicate all’ospite d’onore, la Federazione Russa, ma anche a mela rosa dei Sibillini, cucina anti-alzhaimer ed ai segreti dell’aceto balsamico di Modena.

Le Piccole Italie propongono abbinamenti di salumi e vini strettamente legati a territori locali ed il Cilento la sua “maracuocciata”. Un vero e proprio viaggio tra aspetti inediti dei vini marchigiani, sarà invece offerto dai sommelier.

In sala convegni omaggio alle bollicine delle Marche, che sembrano aver anticipato nella storia anche i blasonati cucini d’oltralpe, grazie ai due studiosi marchigiani, Bacci e Scacchi. Spazio anche all’Agora delle Piccole Italie, un confronto tra i territorio più autentici dello Stivale.

Imperdibile la serata dedicata allo stoccafisso e proposta nel ristorante di Tipicità, con un vero e proprio viaggio alla scoperta del pregiato merluzzo artico che la maestria degli chef trasforma in prelibatezza dal gusto mediterraneo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here